Commando in azienda Guardia spara un colpo

Il Giornale di Vicenza (15/06/18)

La guardia giurata, aggredita con estintori e oggetti, spara e fa scappare i ladri che tuttavia riescono a rubare merce per un valore di 60 mila euro. Sono stati momenti di forte tensione l’altra notte al deposito della Attiva spa, azienda che distribuisce per il Nord italia prodotti della Apple e che ha sede in via del Progresso a Brendola. Verso le 4 del mattino di giovedì un commando formato da almeno sette uomini a volto coperto ha fatto irruzione nel magazzino, sfondando il portone. Come registrato dalle telecamere, la banda è giunta a bordo di un’auto di grossa cilindrata di colore blu scuro e di un furgone bianco, modello Fiat Ducato, poi risultato rubato alcuni giorni fa in provincia di Brescia. Prima di agire però aveva anche bloccato le vie di accesso con delle auto, per rallentare l’intervento delle forze dell’ordine. Una volta dentro, i ladri hanno razziato quanto si trovava a loro disposizione. Dai computer Imac ai tecnologici orologi Fitbit. Una minima parte tuttavia di quello che sarebbe potuto essere il bottino, sistemi di sorveglianza e sicurezza hanno infatti funzionato nel migliore dei modi, limitando l’azione dei malviventi. L’azione è durata un paio di minuti, appena il tempo trascorso da quando sono scattati gli allarmi al pronto intervento della guardia giurata della vigilanza dei Rangers, passata poco prima senza riscontrare anomalie. È chiaro che la ronda era stata attesa prima di dare inizio al colpo. Ma quello che i ladri non sono stati in grado di calcolare bene è stata invece la risposta del vigilante che si è precipitato sul posto per scongiurare il furto. La guardia e il gruppo dei ladri si sono trovati faccia a faccia. Da quanto risulta, questi ultimi, per tenerla lontana e riuscire ad andarsene con quello che fino a quel momento avevano arraffato, non hanno esitato a minacciare il vigilante, lanciandogli contro alcuni estintori e altri oggetti trovati in azienda. A questo punto, dato il precipitare della situazione, per reazione il guardiano, uno contro tutti, ha estratto la pistola in dotazione e a scopo intimidatorio ha esploso un colpo in aria. I banditi si sono così dati alla fuga con l’auto lasciando là il furgone. Nel frattempo, intervenivano con rapidità anche i carabinieri del radiomobile della compagnia di Vicenza e della stazione di Brendola, oltre alla Civis in supporto. L’area circostante l’azienda e i caselli dell’autostrada sono stati tenuti sotto controllo dalle pattuglie presenti sul territorio. Le indagini per risalire ai responsabili sono tutt’ora in corso da parte del nucleo investigativo dei militari dell’Arma “Un plauso va fatto alla guardia per la prontezza con cui è intervenuta” – afferma l’amministratore delegato di Attiva, Giorgio Rossi – “Le procedure di sicurezza che utilizziamo per lo stoccaggio dei prodotti hanno fatto sì che i ladri trovassero soltanto un valore limitato e questo ben venga rispetto alla drammaticità di quanto successo. In passato, siamo stati vittime di un tentativo di furto e a fronte di quest’altro episodio proseguiremo nel potenziare le misure per garantire sia l’incolumità degli addetti al servizio di custodia che per conservare i beni che sono custoditi. Le misure adottate sono comunque già molte ed efficaci. Resta anche da capire come sia stata organizzata un’operazione del genere. Ad ogni modo, le misure adottate sono scattate e a breve le rinforzeremo ulteriormente”.