Era ubriaco alla guida: si getta nel fiume

Il Mattino di Padova, 24 agosto 2012

Non si fermano all’alt dei carabinieri e scappano a tutta velocità. Due ragazzi in auto la scorsa notte hanno dato vita ad un inseguimento a tutta birra da parte dei carabinieri e nel quartiere Sant’Artemio. Erano circa le 2.30 quando è scattato l’allarme: l’auto con i ragazzi a bordo non si è fermata quando i carabinieri, che li stavano seguendo da tempo, hanno intimato l’alt nei pressi di viale Felissent. I due fuggitivi hanno imboccato poi via Lancenigo e hanno cercato riparo scappando a piedi dentro una ditta di autoveicoli, facendo così scattare l’allarme della centrale operativa della vigilanza privata del Gruppo Battistolli. La violazione indica la ditta di Autoveicoli Luisetto di via Beccaluzzi a Treviso, dove subito vengono inviate le auto dei Rangers che si incrociano con quelle dei carabinieri che stavano cercando i due ragazzi. Questi avevano abbandonato l’auto e si sono gettati in un corso d’acqua, cercando di far perdere le proprie tracce. Una volta scoperti, hanno però detto di essersi tuffati per cercare un po’ di fresco. È stato proprio il pronto intervento dei carabinieri di Treviso a permettere di sbarrare la strada ai due ragazzi ormai senza via di scampo. I due giovani sono stati fermati e sono stati portati in caserma per l’identificazione e accertamenti per capire cosa lì abbia portati a questa folle fuga. Dai risultati è immediatamente emerso che il conducente stava guidando con un tasso alcolico troppo alto e che non era certo la prima volta. Infatti in passato la patente gli era già stata ritirata due volte.