Passaporto falso, denunciato

La Nuova Venezia e Mestre, 13 Maggio 2013

Al Marco Polo cittadino georgiano si finge israeliano per salire su un aereo Un uomo, munito di un passaporto israeliano risultato falso è stato bloccato all’aeroporto di Venezia sabato pomeriggio mentre tentava di imbarcarsi su un volo diretto a Montreal. Ad insospettirsi è stata una guardia giurata dell’istituto di vigilanza Battistolli, nel corso del servizio di controllo passaporti al check-in del volo TS 571 in partenza dal Marco Polo di Tessera con destinazione Montreal in Canada. L’uomo non conosceva l’ebraico e aveva fornito notizie confuse di sè, cercando anche di corrompere la guardia giurata. Una telefonata all’ambasciata israeliana in Italia e l’intervento di una funzionaria canadese hanno permesso di confermare che il passeggero era un impostore. È stato condotto negli uffici della Polizia aeroportuale che ha deciso il fermo. L’uomo poi ha raccontato ai poliziotti di frontiera dello scalo aeroportuale veneziano di aver acquistato all’estero il passaporto falso per garantirsi così l’accesso senza difficoltà in Canada, dove aveva intenzione di recarsi per trovare un lavoro. Dagli accertamenti eseguiti dalla polizia dello scalo del Marco Polo, l’uomo che ha quarant’anni è in realtà un cittadino di nazionalità georgiana. Probabilmente pensava di poter entrare in Canada senza difficoltà, spacciandosi per israeliano ma è stato tradito dalla pessima conoscenza della lingua. Per l’ingresso in Canada i georgiani devono richiedere il visto mentre un israeliano in possesso di passaporto ha libero accesso. Ma il progetto è fallito davanti ai controlli al check-in dell’aeroporto di Venezia, anche in questo fine settimana affollato di viaggiatori.