I Rangers arrivano a Campo Marzo «Quattro pattuglie nelle ore notturne»

Corriere del Veneto – Vicenza, 27 Febbraio 2016

Controlleranno campo Marzo ma non solo, perché transiteranno anche in corso Palladio e in piazza Matteotti, in divisa e con la possibilità, o meglio il dovere, di intervenire in caso di reati. Arriva, in centro storico, la vigilanza privata. Non si tratta delle ronde che periodicamente vengono in mente a residenti o commercianti, ma di un vero e proprio servizio di vigilanza garantito dalla società «Rangers». Il Comune ha infatti firmato un accordo con le guardie giurate al fine di «aumentare il livello di sicurezza della zona» dichiara l’assessore alla Sicurezza urbana, Dario Rotondi. La convenzione, di fatto, viene incontro a un’esigenza di entrambe le parti: la società ottiene la possibilità di utilizzare il locale adibito a spazio lettura all’esedra di viale Roma come «spazio tecnico» per le singole pattuglie concedendo in cambio, al Comune, un servizio di presidio costante dell’area e un’ora di pattugliamento dedicato fra campo Marzo, corso Palladio e piazza Matteotti. Il presidio di sicurezza è garantito dalle guardie giurate ogni notte, dalle 22 alle 6, anche se le auto e il personale si potranno scorgere in viale Roma pure durante le ore diurne «a seconda delle esigenze della società» precisano da Palazzo Trissino. L’attività è stata avviata dal Comune in forma sperimentale, partirà martedì 1 marzo, andrà in scena per tre mesi e nelle ore notturne ci saranno fino a 4 pattuglie (8 persone) con base a campo Marzo. Poi, però, ai primi di giugno la sperimentazione finirà: in quella data, infatti, ai rangers subentrerà la normale attività dello spazio lettura su viale Roma che aprirà i battenti proprio nella stagione estiva. «Il servizio svolto dalle guardie giurate è di controllo – afferma Rotondi – ma nel caso venisse compiuto un reato le guardie hanno l’obbligo di intervenire e di avvisare le forze dell’ordine». Le guardie gireranno armate ed è già con la loro presenza che il Comune conta di poter migliorare la situazione nell’area attorno a campo Marzo, dove appena nei giorni scorsi residenti e cittadini avevano chiesto «maggiori controlli». «La nostra strategia per questa zona – dichiara il consigliere delegato a Campo Marzo, Stefano Dal Prà Caputo – è quella di puntare su attività di cultura e sicurezza, che devono correre di pari passo».