Sperona i carabinieri Fuga per 60 chilometri Trentenne arrestato

Corriere del Trentino, 14 gennaio 2015

Ha sfondato un posto di blocco a Marostica ed è fuggito per 60 chilometri. Un’ora di follia. Ha speronato alcune pattuglie dei carabinieri, imboccato strade contromano, salvo poi capitolare, tallonato dai carabinieri di Borgo e di Bassano, alle porte di Villa Agnedo. La folle corsa è terminata contro un furgone e per l’uomo, 36 anni, sono scattate le manette. Ora è piantonato in ospedale.È accaduto la scorsa notte. Un rocambolesco inseguimento tra Veneto e Trentino, degno dei film d’azione. Il tutto è iniziato verso le tre di notte quando l’uomo, E. S. di Romano d’Ezzelino (Vicenza), ma residente a Verona, è stato fermato per un controllo da una pattuglia dei carabinieri. Ma all’alt l’automobilista, che viaggiava a bordo una Ford, ha perso la testa. Ha pigiato il piede sull’acceleratore, ha sfondato il posto di blocco ed è fuggito in direzione Trento. I militari sono saltati sulla gazzella e hanno iniziato a inseguire il fuggitivo. Nel frattempo, via radio, sono stati chiamati i rinforzi. La tensione era alta. Pochi minuti dopo sul posto c’era già una seconda pattuglia di Bassano, ma nel tentativo di fermare l’automobilista è stata speronata. Il trentenne sperona una terza auto dei carabinieri, questa volta arrivata da Feltre. L’allarme sfonda i confini trentini. E continua la fuga. A folle velocità l’uomo sperona anche tre auto della vigilanza privata Rangers, arrivata in supporto. L’intervento dei carabinieri di Borgo è immediato, intercettano l’auto a Grigno, ma l’uomo tampona i militari. Poi capitola. Braccato e chiuso dalle tante pattuglie, si schianta. Bloccato, è stato arrestato per resistenza. Er a sotto l’effetto di droghe. Quattro carabinieri e un vigilantes sono rimasti feriti.