Sversamento di rifiuti, vigilantes per fermarlo

Cronache di Caserta, 2 Settembre 2017
L’amministrazione comunale ricorre alla vigilanza privata per individuare chi sversa rifiuti.Il provvedimento firmato dal dirigente Gennaro Spasiano,per ora,ha carattere sperimentale e l’affidamento èper un solo mese.La societàscelta èla Rangers del gruppo Battistolli,con centrale operativa a Casapulla,e la spesa complessiva è di 6100 euro. In passato, altre amministrazioni della Provincia (ad esempio, San Felice a Cancello e Arienzo) si sono affidate a società di vigilanza private, ma queste sperimentazioni non sono state ripetute. Nella determina firmata da Spasiano si legge che “quasi quotidianamente si verificano sversamenti abusivi, ad opera di ignoti, di rifiuti indifferenziati sui cigli delle strade periferiche della città”. Un fenomeno che in estate è ancora più pericoloso in quanto il rischio di roghi aumenta con la temperatura. Nel corso dell’estate ci sono stati diversi incendi a Marcianise: il più grave è stato quello nella zona di Caserta Sud il 4 agosto scorso, che ha preso origine da un mucchio di sterpaglie e si è poi propagato a un deposito di caravan. Nei mesi scorsi il Comune ha emanato ordinanze di bonifica per alcune discariche abusive su terreni di proprietà della Regione e di Rete ferroviaria italiana. Il primo provvedimento in ordine di tempo riguarda un fondo nell’area industriale Asi Sud, davanti a due aziende in disuso, proprietà regionale. Già all’inizio dell’anno precisamente il 5 gennaio scorso, il Comune aveva intimato al presidente della Regione, come proprietario dell’area in questione, di provvedere entro 30 giorni a rimuovere e smaltire il materiale: si tratta di residui provenienti da lavorazioni edili, rifiuti solidi urbani e derivanti da diverse attività produttive, nonché materiale plastico misto a ferro. Ad aprile scorso il comando di polizia municipale ha effettuato un sopralluogo nella zona e constatato che i detriti non erano stati rimossi. E’ stato quindi ordinato alla Regione di provvedere entro 60 giorni. Discorso simile per il terreno in località Visocchi di proprietà di Rfi, dove la polizia municipale ha trovato 8 carcasse di auto bruciate, di provenienza furtiva, in un’area di 500 metri quadrati compresa fra i viadotti ferroviari e il sottopasso.